News
Indietro
SubHeader
News
giovedì 14 marzo 2024
ACIREALE, PRESENTATE LE TECNOLOGIE ASSISTIVE ACQUISTATE PER LE SCUOLE
Le tecnologie assistive e la Comunicazione Aumentativa e Alternativa garantiscono alla persona con bisogni comunicativi complessi la partecipazione attiva nei contesti di vita.
Soprattutto a scuola questo si traduce in una reale e sostanziale inclusione che permette ai bambini e ai ragazzi con disabilità di socializzare con i pari e di poter garantire a tutti loro il Diritto allo studio e l`accesso alle conoscenze.
Stamattina a Palazzo di Città l’assessore alle Politiche Sociali Valentina Pulvirenti, con Donatella Busà e Alessandra Seminara del Servizio di Psicologia scolastica e Maria Modica logopedista e specialista in CAA, hanno presentato i software acquistati dal Comune per le scuole acesi.
Nello specifico si tratta di: Boardmaker 7, InPrint 3 che permetteranno di creare supporti per la comunicazione e l`apprendimento e tecnologie assistive quali sensori, interfacce, VOCA.
“A seguito di un progetto di formazione che ha coinvolto 40 insegnanti e Asacom per 60 ore, il Comune ha deciso di acquistare degli ausili tecnologici per la comunicazione e distribuirli agli istituti scolastici acesi al fine di migliorare la comunicazione, le relazioni e l’ambiente scolastico. Attraverso questi strumenti miglioreremo non solo l’aspetto relazionale, ma anche quello didattico. Ovviamente abbiamo ritenuto necessario inserire la dotazione dei software, in un percorso formativo mirato sull`uso e l` implementazione durante la didattica, ha spiegato l’assessore Pulvirenti-. E’ un passo importante per una scuola che dia opportunità a tutti di esprimere al meglio le proprie potenzialità e di promuovere il benessere fisico, psicologico e sociale -relazionale per tutti”.
L`acquisto di questa tecnologia innovativa si inserisce in un progetto più ampio e ambizioso del Comune con le Cooperative sociali accreditate "Ognuno va a scuola a modo suo". E’ in programma per il periodo aprile - dicembre 2024 un laboratorio esperienziale per gli stessi partecipanti, che con un percorso pratico potranno acquisire le competenze per l`utilizzo delle nuove tecnologie e avere un gruppo di supervisione, incontro e confronto.
“L’arrivo dei software deve essere accompagnato dalla formazione per apprezzarne le possibilità di applicazione e creare un ambiente più inclusivo possibile,- ha dichiarato Maria Modica, coordinatore scientifico del progetto-. Dotare le scuole di una piccola ausilioteca è un passo importante per appartenenza, che è più importante di inclusione perché comporta diritti e doveri. Questi ausili sosterranno le persone con bisogni comunicativi complessi, quindi persone con difficoltà nella comprensione e nella produzione del linguaggio, e persone con disabilità motorie, dando la possibilità a chi non può utilizzare le mani di utilizzare altre parti del corpo per partecipare alle attività quotidiane, alle lezioni e alle attività di gioco”.