News
Indietro
SubHeader
News
mercoledì 10 agosto 2022
Animali, denunciato 77enne che uccide a bastonate un cagnolino, fermato dal sensibile gesto di una bambina prima che potesse proseguire il gesto di feroce violenza
Un gesto inqualificabile quello compiuto da un 77enne residente nella zona di Aci Platani, il quale ha ucciso a bastonate un cagnolino meticcio, di appena due mesi, e per questa ragione è stato denunciato all’Autorità giudiziaria da pattuglia della Polizia Municipale, intervenuta tempestivamente sul luogo dell’accaduto, via Antonino Bonaccorsi, di fronte il complesso di case popolari. La sensibilità di alcuni abitanti della zona ha impedito che il soggetto in questione proseguisse nel suo folle gesto, uccidendo altri due esemplari della stessa cucciolata. L’episodio si è verificato nel pomeriggio di ieri, poco dopo le 16,30, quando il 77enne ha deciso di mettere in atto il suo macabro piano. Armato di bastone ha cominciato a percuotere l’inerme cagnolino, spirato da lì a poco. Una bambina della zona ha dato l’allarme e la madre ha segnalato quanto stesse accadendo ai carabinieri che, a loro volta, hanno investito la Polizia Municipale, giunta sul luogo indicato con l’ispettore Grazia Catania, riferimento del Corpo per quanto riguarda i diritti degli animali, e l’agente Carlo Raffaele. Il violento pensionato si era già allontanato, anche perché uno dei cuccioli gli era stato sottratto dalla solerte e sensibile bambina, Stella Chiara, mentre l’altro lui stesso lo aveva lanciato in un dirupo e per recuperarlo è stato necessario l’intervento dei Vigili del fuoco. I due cagnolini, poi, sono stati affidati alla sezione acese dell’Ente Nazionale Protezione Animali (ENPA), presieduta da Stefania Raineri, mentre il 77enne è stato rintracciato nella sua abitazione. All’ispettore Catania ha candidamente ammesso di avere ucciso il cagnolino e di non immaginare di avere commesso un reato, evidentemente perché non conosce l’articolo 544 del Codice penale, secondo il quale “chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona la morte di un animale è punito con la reclusione da quattro mesi a due anni”. L’equipaggio della Polizia Municipale, coordinato dal luogotenente Nicola Urso, si è dovuto adoperare affinché il protagonista della squallida vicenda non venisse aggredito da alcuni abitanti della zona, disgustati dal deprecabile comportamento del 77enne. I due cuccioli sopravvissuti all’inspiegabile e gratuita furia di quest’ultimo sono stati presi in consegna dall’ENPA che, attraverso la presidente Raineri, ha annunciato la costituzione di parte civile nei confronti del soggetto denunciato.


Leggi allegato: 82070_cani sopravvissuti.jpg