News
Indietro
SubHeader
News
martedì 22 febbraio 2022
Solidarietà e lavoro, Ufficio del Giudice di pace rafforzato da quattro percettori del reddito di cittadinanza
Sono quattro i percettori di reddito di cittadinanza in servizio all’Ufficio del Giudice di pace, attraverso i Progetti di utilità collettiva (Puc). Nella giornata in cui hanno preso servizio, i quattro soggetti sono stati accolti dal vicesindaco e assessore ai Servizi sociali, dott.ssa Palmina Fraschilla, e dall’assessore agli Affari istituzionali, avv. Mario Di Prima, in presenza degli avvocati Francesco Patanè e Roberto Pavone, rispettivamente tesoriere e segretario dell’Associazione Forense Acese, i quali hanno portato il saluto del presidente, avv. Alessandro Patanè. “Ad Acireale – ha spiegato il vicesindaco Fraschilla - sono circa 1300 i percettori del reddito di cittadinanza, la cui attività viene gestita da due piattaforme, una del Comune di Acireale l`altra dal Centro per l`impiego. Senza il ruolo svolto dal servizio alle Politiche sociali questi progetti di utilità collettiva non sarebbero mai partiti, in quanto è questo che ha chiesto ai vari settori di predisporre un minimo di progetto ovvero una richiesta che i vari assessorati hanno inviato attraverso una modulistica. Attraverso gli assistenti sociali vengono contattati i percettori di reddito di cittadinanza, per delineare il loro e le loro attitudini dal punto di vista lavorativo, dunque facciamo in modo che queste persone vengono abbinate vari progetti”. L’assessore Di Prima ha aggiunto che: “Oggi viene rinnovato un potenziamento degli uffici giudiziari attraverso lo strumento dei Puc. I percettori del reddito di cittadinanza svolgeranno il loro lavoro in contropartita rispetto al sostegno che ottengono da parte dello Stato e, quindi, si rendono utili alla collettività e alla società, dando il loro contributo. Si tratta di un progetto che noi intendiamo continuare in maniera permanente a servizio degli uffici del Giudice di pace”. Soddisfazione è stata espressa dall’Associazione Forense Acese e a riguardo il presidente Patanè si è espresso così: “Ringraziamo il Comune di Acireale, ed in particolare l’assessore Di Prima ed il vicesindaco e assessore Fraschilla per la disponibilità sino ad oggi dimostrata per la salvaguardia degli interessi dell’amministrazione della giustizia, segnatamente del Giudice di pace, quale servizio essenziale per la cittadinanza acese e del comprensorio delle Aci, esigenza primaria della collettività”.



Leggi allegato: 80867_puc giudice di pace.jpg