News
Indietro
SubHeader
News
venerdì 24 dicembre 2021
Lavoro, finanziati cantieri di servizio per 137mila euro; dureranno 3 mesi e coinvolgeranno 60 persone
Acireale è presente nell’elenco particolarmente ristretto che comprende appena 30 Comuni in Sicilia, i quali saranno interessati dall’attivazione di “cantieri di servizio”, secondo le indicazioni dell’assessorato regionale della Famiglia, delle Politiche sociali e del Lavoro che ha stilato un apposito “Piano di riparto”. Ancora una volta, quindi, gli uffici comunali competenti sono riusciti a distinguersi, intercettando un finanziamento rilevante, pari a 136mila e 919,90 euro, esattamente l’importo che era stato richiesto, segno tangibile di una scrupolosa condotta tenuta in fase di istruzione dell’iter da percorrere. Dopo le Città Metropolitane di Messina e Palermo, quella acese risulta la più prolifica in quanto a numero di progetti avviati attraverso il Piano di azione per la coesione (Pac), ben otto tra il 2014 ed il 2020. Quattro di questi, come rilevato dal decreto del dirigente generale dell’assessorato regionale competente, ing. Gaetano Sciacca, verranno proseguiti attraverso il finanziamento a suo tempo richiesto e, adesso, assegnato. “Non è la prima volta che Acireale si mette in evidenza in varie graduatorie – ha affermato il sindaco Alì – e, in questo senso, non sfugge l’efficienza degli uffici preposti, tale da consentire alla nostra Città di distinguersi, rientrando persino in graduatorie ristrettissime, come quella che riguarda i cantieri di servizio, “contesto” riservato ad un numero di Comuni siciliani inferiore all’8 % del totale”. L’assessore ai Lavori pubblici, Giovanni Raciti, ha spiegato nel dettaglio che: “Si tratta di interventi che nascono con finalità sociale, tesi a restituire alla comunità il beneficio che viene riconosciuto a chi partecipa. I progetti hanno una durata di tre mesi e ciascuno di essi coinvolgerà 15 persone, attraverso un’azione che interessa il verde pubblico, il decoro urbano, pitturazioni varie di opere in ferro ed il riordino delle aree esterne degli edifici comunali. Il responsabile unico del procedimento (Rup) è il geom. Francesco Gulli”.