News
Indietro
SubHeader
News
martedì 24 novembre 2020
"Io compro in città", al via campagna di sensibilizzazione a sostegno del commercio locale
“Io compro in città” è il titolo della campagna di sensibilizzazione promossa dal deputato regionale Josè Marano e dal consigliere comunale Fabio Fontanesca, la cui presentazione avrà luogo giovedì 26, con inizio alle 11, al Palazzo di Città. Prevista la presenza del sindaco, Stefano Alì, dell’assessore al Bilancio, Alfio Cavallaro, e dei membri della seconda commissione consiliare, competente in materia di commercio. L’obiettivo, come annunciato dall’on. Marano e dal consigliere Fontanesca, è quello di sensibilizzare i cittadini ad effettuare gli acquisti nelle attività delle proprie città, piuttosto che attraverso le piattaforme “on line”, così da supportarle in questa fase di emergenza sanitaria che determina anche una crisi generalizzata. L’iniziativa ha già riscontrato una larga adesione e, in questo senso, si sono espressi positivamente Emilia Crimaldi, assessore al Commercio ad Aci Catena, ed i membri della V commissione consiliare dello stesso centro vicino che interverranno al pari di Davide Trovato e Mario Russo, presidenti – rispettivamente – della Confederazione nazionale dell’artigianato e della piccola e media impresa (Cna) e della Confcommercio di Acireale. L’argomento in questione è stato oggetto di profonda riflessione da parte del consigliere Fabio Fontanesca, il cui pensiero è riassunto nella nota che segue e che ha ispirato l’iniziativa “Io compro in città”.
“Certo è facile.
È semplice.
È comodo.
Non si crea mai quell`imbarazzo iniziale quando si accede in un negozio, sono sempre disponibili, in qualsiasi momento, che sia notte, che sia festa!
A "loro" non interessa cosa acquisti, per chi sia il tuo dono e quanto vuoi spendere per quel prodotto, non interessa che tu, attraverso quell`acquisto, possa fare "bella figura" il che si tramuta poi in buona pubblicità, "loro" sono pieni di clienti come te, sanno chi sei, dove vivi, ma non ti chiameranno mai per nome, non ti faranno mai un sorriso, non ti incontreranno mai per strada e non scambieranno con Te mai due chiacchere e non ti offriranno mai un caffè.
A "loro" non interessa proprio niente di Te, l`unico interesse che hanno è azzerare ciò che ti circonda e sei Tu, sei proprio tu a dar "loro" questa enorme forza.
Riescono anche a farti credere che spesso, il rivenditore sul corso ne possa approfittare alzando i prezzi, ti fanno credere che lì, nel loro "negozio virtuale", tutto costi meno, tutto sia un`occasione imperdibile, tutto sia più bello e che tutto sia più semplificato nel riceverlo a casa.
Ma quando quelle luci sul corso non saranno più accese, quando la vetrina che tanto ti ha fatto sognare ( proprio quella vetrina in cui hai visto quell`articolo che tanto ti ha colpito e affascinato e che poi la stessa notte hai magari acquistato altrove ), quando tutto resterà solo un ricordo confuso e quella vetrina sarà piena di promozioni, pubblicità ed il negozio pieno di polvere sugli scaffali e grigio alle pareti, ricorderai che avresti potuto aiutare le attività commerciali della tua città.
Ma sei in tempo, adesso puoi ancora aiutare i piccoli commercianti a pensare che, malgrado tutto, grazie ai tuoi piccoli acquisti, ancora una volta, con i sacrifici a cui sono ormai abituati, si possa programmare un`altra stagione ed un`altra ancora. Ed andare avanti.
Con nuovi sorrisi. E nuova grinta.
E ancora fiducia e coraggio.
Oggi i nostri esercizi commerciali di vicinato stanno affrontando la sfida più grande, quella che forse decreterà la fine di migliaia di attività di vicinato in Italia e insieme ad ogni vetrina spoglia o saracinesca che si abbasserà definitivamente, si dissolveranno anche i sogni e le speranze di adulti e bambini, di quelle famiglie che, nonostante tutto, cercano di rimanere a galla, che comprano il pane, o il vestito, che vanno dal meccanico e dal macellaio, che fanno il regalo, che iscrivono i figli nelle associazioni sportive ed a lezione di inglese. Sono famiglie che credono ancora nella nostra città, in cui hanno investito tutto : energie fisiche, mentali ed economiche.
Oggi Noi tutti possiamo concretamente supportarli in questa sfida e possiamo riuscirci solo andando a fare i nostri acquisti nelle loro attività, che si trovino in centro o nelle frazioni, possiamo
farlo e dobbiamo farlo, perché Acireale ed i suoi esercenti, rimangono ancora l’anima di questa città, quell’anima che nessuno di loro vuole vendere alle piattaforme on line.
Non lasciamo che le uniche luci a rimanere accese, dove poter scegliere un prodotto, siano quelle dei telefoni e dei pc”.



Leggi allegato: 79063_io compro in città.jpg