Comunicati
Indietro
SubHeader
Comunicato
Territorio, avviato l'iter per la redazione del Piano urbanistico generale (Pug)
sabato 25 settembre 2021
Attraverso la delibera della Giunta comunale n. 173, del 24 settembre scorso, è stato avviato l’iter per la redazione del Piano urbanistico generale (Pug) che costituisce lo studio avanzato per il governo del territorio e assorbe le competenze un tempo riferite al Piano regolatore generale (Prg). Questo consentirà ad Acireale di dotarsi, finalmente, dopo una lunghissima attesa, di uno strumento urbanistico adeguato ai tempi. Il Piano urbanistico generale rappresenta lo strumento essenziale per la progettazione e lo sviluppo di una città, indispensabile per individuare le opere pubbliche necessarie nonché lo sviluppo produttivo e commerciale, nel quadro di un processo di valorizzazione dell’ampio e vasta patrimonio locale, riservando una particolare attenzione alle Terme. La Giunta Alì ha dato mandato al dirigente dell’Area Urbanistica, ing. Andrea Giudice, affinché proceda con la redazione del PUG, avvalendosi del supporto metodologico e tecnico–scientifico dell’Università di Catania, secondo la convenzione sottoscritta dalle parti l’11 giugno dell’anno scorso. Il PUG verrà redatto secondo le direttive della legge regionale n. 19 del 13 agosto 2020 e le recenti linee guida approvate con decreto assessoriale n. 116/Gab del 7 luglio scorso. La recente delibera della Giunta comunale ha approvato anche le direttive per la redazione del Piano basate sullo studio propedeutico effettuato dagli uffici con la collaborazione scientifica del Dipartimento di Ingegneria ed architettura dell’Università di Catania. “L’aspetto più importante che emerge dallo studio – ha affermato il sindaco, ing. Stefano Alì - è l’edificazione attuale della nostra città, la cui cubatura oggi potrebbe ospitare circa 150mila abitanti a fronte dei reali 50mila. Lo strumento contiene le direttive che prevedono al primo punto la sostenibilità del piano e la riduzione del consumo del suolo, nel contesto di un’attenzione particolare alla rigenerazione urbana ed al riuso dell’esistente nonché alla riduzione del rischio, sia sismico che idrogeologico e geomorfologico. Dovrà essere privilegiata la salvaguardia del verde, posto che oggi quasi un terzo del territorio è urbanizzato. Il primo passaggio, estremamente importante, sarà quello di coinvolgere nelle direttive tutti i soggetti interessati, secondo quanto previsto dalle linee guida recentemente approvate. E’ un percorso ancora lungo – ha concluso il primo cittadino acese - a cui lavoriamo da tempo e rispetto al quale notevole impegno è stato dedicato dall’ing. Carmelo Grasso, già vicesindaco e assessore”.