Comunicati
Indietro
SubHeader
Comunicato
Natanti abbandonati, ordinanza per la rimozione
venerdì 9 aprile 2021
Decorre da oggi l’ordinanza che prevede la rimozione dei natanti abbandonati e dei relitti di imbarcazione e accessori di vario genere abbandonati nell’area demaniale e che, dunque, minacciano l’igiene e l’incolumità pubblica. L’operazione è frutto di una sinergia tra l’assessorato all’Ambiente, retto dal dott. Daniele La Rosa, e la Guardia costiera, e poggia sull’ordinanza n. 1 del 7 aprile scorso emanata dal caposettore Ecologia e ambiente, ing. Giuseppe Sorbello. Ai proprietari o, comunque, a coloro che godono dell’utilizzo a vario titolo dei natanti in questione o di corde, ormeggi ed accessori vari per la pesca, ombrelloni e qualsiasi altro materiale depositato sulla spiaggia, area demaniale, di Capomulini, Santa Maria la scala, Santa Tecla, Stazzo e Pozzillo è ordinato di provvedere, entro 30 giorni dalla data dell’ordinanza richiamata, alla rimozione del medesimo materiale. Decorso tale termine, da intendersi perentorio, la rimozione verrà eseguita d’ufficio. “Si tratta, di fatto, di piccole discariche in riva al mare – ha dichiarato l’assessore La Rosa – e, in quanto tali, disturbano la bellezza del paesaggio e, al tempo stesso, costituiscono potenziali bombe inquinanti. Purtroppo, siamo ormai abituati a considerare questi relitti come una parte integrante del nostro “arredo”, un aspetto che è inaccettabile. L’operazione di pulizia interesserà circa 25 relitti, sia in legno che in vetroresina, abbandonati su tutto il litorale, ingombri pericolosi ed elementi di degrado e di rischio per l’ambiente. Penso ai pezzi di vetroresina, alle vernici ai rifiuti contenuti negli scafi, spesso destinati a finire in mare a seguito del forte vento e delle condizioni atmosferiche avverse”.