Comunicati
Indietro
SubHeader
Comunicato
Gal, al via analisi conoscitiva per "Contratto di fiume"
domenica 31 gennaio 2021
Il Palazzo di Città ha ospitato la prima riunione tecnica del Contratto di fiume “Simeto Alcantara – Terre di Aci” che si è tenuta in presenza del sindaco, ing. Stefano Alì, che riveste anche la carica di presidente dello stesso Gal acese, la cui direzione è in capo alla dott.ssa Annamaria Privitera. L’incontro è stato moderato dall’arch. Sebastiano Muglia, in qualità di animatore del Gal “Terre di Aci” e coordinatore del gruppo tecnico di lavoro, assieme agli specialisti, geol. Gianluca Giummarra e ing. Luca Barbarossa. Il gruppo tecnico, in ottemperanza al documento di intenti sottoscritto tra i Comuni delle Aci, redigerà uno studio su “Definizioni e requisiti qualitativi di base dei Contratti di fiume”, un’analisi conoscitiva preliminare integrata sugli aspetti ambientali, sociali ed economici del nostro territorio. Il sindaco Alì ha posto l’accento sulle potenzialità che lo stesso “Contratto” possiede in relazione agli interventi da programmare per fronteggiare gli effetti del dissesto idrogeologico. Il direttore Privitera ha richiamato la considerazione in cui è tenuto lo sviluppo sostenibile nell’ambito della strategia del Gal che lei stessa dirige e che sin dal 2016 aveva previsto nel suo “Piano” una serie di risorse per l’implementazione delle barriere blu e verdi delle Aci nonché e studi prodromi ai "Contratti di fiume" che adesso, finalmente, possono essere messi in campo. In modalità remoto è intervenuto alla riunione anche l’arch. Massimo Bastiani, coordinatore del “Tavolo nazionale dei Contratti di Fiume”, il quale si è soffermato sull’importanza della pianificazione integrata a sistema e su come gli stessi “Cdf” stiano suscitando un’attenzione sempre maggiore in ambito nazionale, evidenziando il lodevole lavoro svolto per far approvare all’unanimità, ad ottobre scorso, dalla commissione “Ambiente” della Camera dei deputati, la risoluzione su quelli che, per definizione, vengono indicati come “strumenti volontari di programmazione strategica e negoziata che perseguono la tutela, la corretta gestione delle risorse idriche e la valorizzazione dei territori fluviali unitamente alla salvaguardia dal rischio idraulico, contribuendo allo sviluppo locale”. L’ing. Giuseppe Pollicino, consulente della Presidenza della Regione Siciliana, anche lui in modalità remoto, ha rappresentato l’attenzione massima da parte del Governo regionale ad un tema di tale importanza, definito “orizzontale” e a processi come i “Contratti di fiume”, legati ad altre forme di pianificazione che possono fornire ottimi risultati. Il dott. Rosario Milazzo, esperto statistico in forza all’Ufficio Statistico regionale, presente attraverso il web, ha annunciato che garantirà un supporto dal punto di vista dell’analisi economica-sociale-ambientale. Tra i partecipanti anche il dott. Antonino Granata e il geol. Vito Trecarichi, rispettivamente per l’Autorità regionale di Bacino e l’Ordine dei geologi, nonché - per delega - la Consulta degli Architetti di Sicilia e l’Istituto nazionale di Bioarchitettura.