Comunicati
Indietro
SubHeader
Comunicato
"Zona gialla", gli effetti sul territorio
sabato 28 novembre 2020
In relazione ai recenti provvedimenti adottati dai Governi nazionale e regionale, partendo dalla classificazione della Sicilia in “zona gialla”, si precisa che, a partire dalle 5 di domani, domenica 29 novembre, e sino al prossimo giovedì 3 dicembre, restano confermati: didattica a distanza per gli studenti delle scuole superiori, chiusura di teatri, cinema, musei, parchi, palestre e piscine, divieto di circolazione dalle 22 alle 5, limite del 50 % di riempimento rispetto alla capienza a bordo dei mezzi pubblici del trasporto locale e del trasporto ferroviario regionale, chiusura dei centri commerciali nelle giornate domenicali. Eccezione solo per farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, tabacchi ed edicole. Potranno riaprire, dalle 5 alle 18, bar, ristoranti, gelaterie, pasticcerie e pizzerie. Consentita, fino alle 22 la vendita di cibo solo per asporto; nessun limite, invece, per il domicilio. Dalle 5 alle 22 sarà consentito muoversi all'interno del proprio Comune e anche fuori; negli altri orari gli spostamenti saranno possibili solo per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o di salute. Ad Acireale, dunque, secondo la nota esplicativa stilata dal comandante del Corpo di Polizia municipale, col. Antonino Molino, con specifico riferimento al territorio di competenza, è disposta la chiusura nelle giornate domenicali per il Simply, unico centro commerciale della zona, ad eccezione degli alimentari e delle farmacie. Gli esercizi di ristorazione resteranno aperti dalle 5 alle 18; dalle 18 alle 22 potranno svolgere la loro attività solo attraverso la modalità di asporto, dopo le 22 ESCLUSIVAMENTE a domicilio. Apertura consentita a tutti gli esercizi commerciali: di vicinato, medie e grandi strutture (e per tali non vanno intesi i centri commerciali). Tutto ciò che viene consentito rispetto a prima – precisano dal Comando della Polizia municipale – deve avvenire, ovviamente, nella scrupolosa osservanza delle norme relative al distanziamento interpersonale.